Si ha notizia del marmo di Ornavasso fin dall’epoca romana, come documentano steli e altari del I e II secolo d.C. conservati nelle Civiche Raccolte Archeologiche del Castello Sforzesco di Milano.

 

Osservando la valle si nota l’inizio della via d’acqua che dal Toce al Lago Maggiore, poi lungo il Ticino e il Naviglio Grande fino alla Darsena di Milano favorì a partire del XIII secolo l’impiego del marmo di Ornavasso in numerosi e insigni monumenti dell’area lombarda.

 

Alzando lo sguardo si osserva di fronte la Cava di Candoglia: il filone di marmo che affiora nel cuore dell’antica cava di Ornavasso attraversa infatti la valle del Toce e ha rifornito già a  partire dagli anni Ottanta del Trecento il marmo per la costruzione del Duomo di Milano e altri insigni monumenti quali ad esempio la Certosa e il Duomo di Pavia e l’arco della Pace di Milano.

 

Prima di iniziare questo straordinario viaggio nel cuore della montagna che ha partorito alcuni dei più preziosi e conosciuti tesori dell’arte italiana osserviamo il piazzale di accesso: come si nota dalle pareti nei secoli il marmo era scavato in trincea, a cielo aperto, una tecnica di estrazione facilmente soggetta a crolli.

 

 

Visite guidate Antica Cava  Moschini e Linea Cadorna:  info@anticacava.it - Estate 2016 la cava sarà chiusa alle visite - Dal 19 novembre 2016 riapertura
con  "La vera grotta di Babbo Natale"  - www.grottadibabbonatale.it  - Presepe, Parco con animali, Mercatini, Musical

  Site Map